Siamo quasi alla fine di un’estate particolarmente calda, sia dal punto di vista climatico sia da quello politico. E anche se non ce lo si aspetterebbe, questi due “picchi” potrebbero essere strettamente correlati tra loro. Si chiama “oscillazione stagionale del crimine”, un fenomeno studiato già a partire dal 1800 quando un matematico belga, Adolphe Quetelet, […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Jules e Jim e Kathe: tre amanti due ceffoni e un colpo di fucile

prev
Articolo Successivo

Nuove censure: le tette rispondono all’algoritmo, anche se sono d’artista

next