Era il tramonto, uno di quelli da cartolina della Grecia, tonalità pastello dovute alla densità dell’aria, nell’afa paludosa di Missolungi. Avevo il casco anche se a quel tempo (era il millennio scorso) non c’era legge che lo prescrivesse. Andavo verso Delfo e, per passare il tempo, pensavo a Byron, alla sua mitica nuotata nel golfo […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese per il primo anno

Articolo Precedente

La Capannina fa 90: “Dalle lacrime di Ray all’assolo di Benigni”

prev
Articolo Successivo

Tre metri insieme con gli altri: ora Moccia diventa “collettivo”

next