Doveva finanziare il rilancio del polo industriale di Termini Imerese abbandonato dalla Fiat nel 2011, restituendo al lavoro 700 operai in cassa integrazione, ma gli amministratori di Blutec avevano tutt’altri obiettivi: 8 milioni di euro del finanziamento di Invitalia, società del Tesoro specializzata in investimenti, erano stati investiti in titoli esteri e quasi un milione […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

La diserzione della classe industriale

prev
Articolo Successivo

La lunga lista di avventurieri sulla pelle di 1000 lavoratori

next