Nove anni fa, quasi negli stessi giorni, la Fiat annunciò la chiusura della fabbrica siciliana di Termini Imerese e l’Alcoa, colosso americano dell’alluminio, fece sapere che si voleva sbarazzare dello stabilimento sardo di Portovesme. Due storie drammaticamente parallele, di cui ci occupiamo in questo numero del Fatto Economico, che si distinguono per un dettaglio tragicamente […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Crisi senza fine. Dopo 10 anni Alcoa è ancora ferma

prev
Articolo Successivo

Arrestati i “salvatori” di Termini: distratti 16 milioni di fondi statali

next