La cosa che più sorprende leggendo Un’agenda per l’euro – una raccolta di articoli firmati da Franco Modigliani (l’economista premio Nobel di cui ricorre il centenario della nascita) e Giorgio La Malfa tra il 1998 e il 2000 – è che i contenuti di quell’agenda di vent’anni fa siano più o meno l’agenda di chi […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Royalty misere, ma il Sole 24 Ore esalta il business petrolifero italiano

prev
Articolo Successivo

Bekaert, va in ferie la fabbrica ma non la protesta degli operai

next