Da qualche giorno abbiamo appreso del furto di un De Chirico nel Museo di Belle Arti di Béziers. L’opera risalente al 1926, apparteneva alla collezione privata di Jean Moulin, un mito della resistenza francese, e secondo gli esperti il suo valore è inestimabile. Un furto consumato davvero con assoluta abilità e perizia, come da classico […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

La post verità e altre bufale nelle parole di un filosofo

prev
Articolo Successivo

Le scuse per evitare la naja

next