Yes we can: quello rappresentato da Barack Obama è stato il sogno americano: un presidente nero, giovane, fotogenico, arrivato alla guida del mondo libero. Un oratore superiore, in grado di cambiare i destini dell’universo. Otto anni e moltissimi capelli grigi dopo, alla Casa Bianca è entrato non un Democratico, ma Donald Trump. Lo slogan di […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Un Movimento dal basso che ancora deve crescere

prev
Articolo Successivo

Blair, il modernizzatore dei Labour è finito “old”

next