All’insaputa di Graziano Delrio il ministero delle Infrastrutture si è trasferito al Tar. La regia dei grandi appalti non è più del ministro e neppure dell’onnipotente (ma solo all’apparenza) presidente dell’Anac Raffaele Cantone. Nemmeno delle Procure, che spesso arrestano questo o quel big del cemento senza turbare il regolare flusso degli affari. L’unico reale governo […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

Boschi al governo non conta nulla: lo dice lei stessa

prev
Articolo Successivo

La picconata insospettabile a Ue ed euro

next