Sud summertime, la vita altrove che raccontavano i nostri migranti

Sud summertime, Caro Coen, altro che Milano. Noi figli del marciapiede, andavamo al paese dai nonni. Ferragosto senza mare e senza vacanze, lusso inconcepibile per chi strappava la vita in un cantiere edile, una fabbrica, un ufficio del Comune, il tavolo di un bar dove maledire i giorni da disoccupato cronico. Il paese con i […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.