Quelli che “mio figlio è avanti, sembra più grande dei coetanei”

Appena nati la gara è sul peso: l’annuncio di chili, etti e briciole è una sorta di dichiarazione di guerra al mondo accompagnato da un bel sorrisetto di soddisfazione
Quelli che “mio figlio è avanti, sembra più grande dei coetanei”

L’educazione parte da bambini, si sa, così come le emozioni, il non detto, la trasmissione delle nostre speranze, rivincite, timori, proiezioni; tutto attraverso i nostri figli. Si inizia da subito. Appena nati la gara è sul peso, l’annuncio di chili, etti e briciole è una sorta di dichiarazione di guerra verso il mondo, il massimo […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.