Quel comico non fa ridere, e a Riace c’è chi resiste

Brutta storia, caro Coen, quella che racconti. Hanno aggredito uno “sporco comunista”, lo hanno preso a randellate, ma non bastava. Siccome lo “sporco comunista”, scrive articoli e libri, e compone canzoni, volevano anche accoltellarlo alla gola. Il messaggio è chiaro: dalla sua bocca non devono più uscire parole di pace, accoglienza, solidarietà, uguaglianza, giustizia. Poveri […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.