Nel ginepraio che è diventato il negoziato su Brexit, il dossier nord-irlandese occupa fin dall’inizio il ruolo non invidiabile di elefante nel negozio di cristalli. Il problema senza soluzione. Gli equilibri politici, sociali ed economici dell’Irlanda del nord (o Ulster) – di fatto, il suo presente e il suo futuro – si reggono sugli accordi […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Quel comico non fa ridere, e a Riace c’è chi resiste

prev
Articolo Successivo

Lo Sinn Féin: “Pronti a unificare l’Irlanda con un referendum”

next