Milano ribolle più dell’ascella di un fornaio. Sogniamo onde di refrigerio, ci sorbiamo le onde nere del fascismo risorto e tollerato. La melma del livore si espande nei Navigli, risale il Lambro, inquina il Seveso, avvelena l’Olona: “Il fascismo è la falsità che afferma che il nemico scelto da un leader dev’essere il nemico di […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Dal campo alla tv, che squadrone

prev
Articolo Successivo

Quel comico non fa ridere, e a Riace c’è chi resiste

next