Nicolò, pagato dalla Roma per giocare alla Playstation

Ci sono ragazzi che hanno trasformato il videogame Fifa in una professione a tempo pieno: i club (veri) li ingaggiano per disputare tornei (virtuali) in giro per il mondo. Ora li trasmettono anche in televisione
Nicolò, pagato dalla Roma per giocare alla Playstation

Sono le 10 di una mattinata iniziata male. Nicolò Mirra è a nostra disposizione, tanto di giocare non se ne parla. “Mi sono svegliato due ore fa, quando c’è meno gente connessa perché tutti sono a scuola oppure in ufficio. Ma non riesco a rimanere collegato ai server. Così rischio di perdere in automatico e […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.