Genere cyborg: l’umanità ha un nuovo tipo d’identità

Neil Harbisson per percepire i colori ha una webcam impiantata sulla fronte: fa parte del suo viso e compare sul passaporto. Uno dei primi casi di una frontiera su cui le corporation investono miliardi
Genere cyborg: l’umanità ha un nuovo tipo d’identità

Giunto all’aeroporto di Vienna alla metà di marzo, Neil Harbisson viene fermato da un agente: “Hai problemi psicologici?”. Neil, 36 anni, nato a Belfast ma spagnolo d’adozione, è il primo cyborg del pianeta. Davanti alla sua fronte pende una webcam, appesa ad un cavetto che sorvola la testa e finisce nella nuca. Serve ad ascoltare […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.