I ritratti

Cattolici, bianchi, conservatori: i 9 sono un’enclave “creata” da Trump

25 Giugno 2022

L’America di Biden raccoglie i frutti amari di Trump. Il magnate aveva potuto nominare ben tre giudici supremi, rimpiazzando un conservatore, una progressista e un moderato spesso ago della bilancia nelle decisioni della Corte con tre giudici dichiaratamente conservatori, cinquantenni e destinati, quindi, a restare in carica a lungo. Trump ha orientato in senso conservatore la Corte per i decenni a venire. L’unico modo di correggere lo squilibrio sarebbe aumentare il numero dei giudici: ma i Democratici non hanno la forza per imporre la modifica.

Oggi i nove giudici non sono uno spaccato dell’America: sei uomini e tre donne; sei bianchi, un nero (conservatore), un italo-americano e una ispanica; ben sei cattolici su nove (i cattolici sono un quarto circa della popolazione, oltre 75 milioni), due ebrei e un solo protestante, per di più ex cattolico convertitosi.

Il mandato è a vita. Il presidente li designa, ma il Senato li approva. È qui uno dei nodi: nel Senato, i 600 mila elettori conservatori del Wyoming valgono quanto i 55 milioni di elettori progressisti della California, cioè due senatori.

Il sistema favorisce i repubblicani, forti negli Stati rurali, più numerosi e meno popolosi. Nel 2016, impedirono a Obama, con la scusa fosse a fine mandato (nove mesi dalle elezioni), di rimpiazzare con un progressista l’arci-conservatore d’origine italiana Antonin Scalia, deceduto in Texas durante una battuta di caccia. Risultato, la nomina la fece Trump, che scelse Neil Gorsuch, conservatore, cattolico di nascita e gesuita di educazione, e protestante con il matrimonio.

Trump poté poi sostituire Anthony Kennedy, messosi in pensione a 82 anni, designato nel 1988 da Ronald Reagan e considerato l’ago della bilancia della Corte Suprema; al suo posto Brett Kavanaugh, contestatissimo per passate storie alla #MeToo. Nel 2020 morì Ruth Bader Gingsburg, icona liberal, alla Corte dal 1993; mancavano poche settimane alle Presidenziali, ma i epubblicani precipitarono i tempi della conferma di Amy Coney Barrett, cattolica, integralista, attivista anti-aborto.

Biden ha poche chance di correggere lo squilibrio. Il giudice più anziano, Stephen Breyer, 84 anni, è un progressista (fu scelto da Clinton): se si facesse da parte e Biden designasse il sostituto, la situazione resterebbe inalterata.

Ti potrebbero interessare

Gentile lettore, la pubblicazione dei commenti è sospesa dalle 20 alle 9, i commenti per ogni articolo saranno chiusi dopo 72 ore, il massimo di caratteri consentito per ogni messaggio è di 1.500 e ogni utente può postare al massimo 150 commenti alla settimana. Abbiamo deciso di impostare questi limiti per migliorare la qualità del dibattito. È necessario attenersi Termini e Condizioni di utilizzo del sito (in particolare punti 3 e 5): evitare gli insulti, le accuse senza fondamento e mantenersi in tema con la discussione. I commenti saranno pubblicati dopo essere stati letti e approvati, ad eccezione di quelli pubblicati dagli utenti in white list (vedere il punto 3 della nostra policy). Infine non è consentito accedere al servizio tramite account multipli. Vi preghiamo di segnalare eventuali problemi tecnici al nostro supporto tecnico La Redazione

Gentile utente ti informiamo che gli articoli 4 e 6 delle “Condizioni di Utilizzo dei Servizi offerti tramite registrazione ai Lettori” relativi, in particolare, all’accesso ai contenuti e alle notizie pubblicate sul sito sono state modificati.

Ti invitiamo quindi a prendere visione della nuova versione delle “Condizioni di Utilizzo dei Servizi offerti tramite registrazione ai Lettori”, cliccando qui