È una mattina afosa di giugno, a Vinovo, 20 chilometri a sud di Torino. Davanti alla Rsa “Alberto Dalmasso” della Sereni Orizzonti si sono radunati gli operatori socio-sanitari (Oss) della compagnia di Udine che da poco ha chiuso due strutture per riunire gli ospiti a Vinovo. “La facciata gialla è stata dipinta da poco, ma […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 10,99€ / mese*
*fino al 30 Settembre 2021

Articolo Precedente

In Italia pochi fondi e addetti: i privati avanzano (e anche il degrado)

prev
Articolo Successivo

Esempi virtuosi: il dietrofront norvegese

next