“Di notte ti trovi da solo con 20 ospiti da cambiare e se qualcuno suona il campanello d’allarme devi correre. Non ti fermi mai, lavorare in una Rsa è diventato un lager”, dice Dario, fino a qualche mese fa operatore sanitario della Sereni Orizzonti di Rocchetta Tanaro (Asti). Usa la parola “lager” anche Paolo (nomi […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 10,99€ / mese*
*fino al 30 Settembre 2021

Articolo Precedente

Profitti, cure scarse, scandali: chi sono i signori delle Rsa

prev
Articolo Successivo

Sereni Orizzonti: tagli e chiusure strategiche Personale in rivolta

next