Sono passate poche ore dalla strage del Mottarone e nella caserma dei carabinieri della compagnia di Verbania si presentano tre testimoni. Ciò che hanno da raccontare è molto importante. In particolare, la testimonianza ritenuta più interessante è quella di Marcella Pepice, escursionista abituale della zona che in quel momento è appena arrivata in vetta con […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 10,99€ / mese*
*fino al 30 Settembre 2021

Articolo Precedente

“Il ponte, una pistola carica” Aspi cacciò i tecnici sgraditi

prev
Articolo Successivo

Altro che autostrade pubbliche: ora lo Stato studia il regalo a Gavio

next