Alcuni uomini hanno un tale potere iconico da diventare aggettivi: senza scomodare Kafka, diciamo “berlusconiano” o “renziano” e tutti capiscono al volo cosa intendiamo. La parola descrive un insieme di tratti, un modo di fare, una cultura, un’antropologia singolare e inequivocabile, oltre che la pletora più o meno folta degli adepti. L’aggettivo è proporzionale alla […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

Telegiustizia: il dubbio fatale che condanna tutti i Ciontoli

prev
Articolo Successivo

Napoleone per stomaci forti

next