Stato di salute. Nulla da segnalare, riguardo alla salute di Napoleone, fino al 1818. Ma quell’anno, il 4 di giugno, un giovedì, passò una notte in bianco, “mal di testa lacerante”, quindi “ansia”, poi “oppressione” e anche “pelle calda e secca”, “il cuore gli batte forte”, eccetera. Così il dottor Barry O’Meare, il cui referto, […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

Dal Berlusconismo al Renzismo, epopea del politico “fai da te”

prev
Articolo Successivo

“Bonaparte ci ha rubato il cuore”, firmato Bonaparte (sotto anonimato)

next