In attesa del, come si suol dire ora, “cambio di passo” del governo Draghi, le grandi operazioni di sistema, da Autostrade alla cosiddetta “rete unica”, proseguono col pilota automatico: un mix di offerte, lettere, penultimatum, due diligence, eccetera in cui sono certe solo le ricche consulenze a uno stuolo di legali ed ex amministratori pubblici. […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese per il primo anno

Articolo Precedente

I viaggi nel tempo dell’eterno Riotta

prev
Articolo Successivo

Salvini come il lupo finito nel pollaio delle larghe intese

next