Fondi neri per 4,5 milioni di dollari accumulati in quattro anni (2013-2017), utilizzando una società schermo americana e veicolando il denaro di ritorno attraverso società di pagamento di Google. In mezzo una storia di corruzione tra privati che coinvolge funzionari della società Leonardo, il colosso italiano in buona parte pubblico attivo in forniture militari e […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese per il primo anno

Articolo Precedente

Aureola “colorata”. Attiviste polacche a rischio carcere

prev
Articolo Successivo

La Nato è in declino, ma non così tanto da permettersi il “Bomba” Renzi

next