È vero che la Nato è un’alleanza in declino, ma non al punto da contemplare la nomina di Matteo Renzi a suo segretario generale. Da qualche settimana, una voce non smentita dall’interessato così motiva l’attacco al governo Conte, sottraendo al suo controllo i Servizi segreti e insediando, attraverso un provvidenziale rimpasto, agli Esteri, alla Difesa […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese per il primo anno

Articolo Precedente

“Leonardo, tangenti per appalti su misura”. Indagati 10 dirigenti, anche 2 società Google

prev
Articolo Successivo

I furbetti della cassa integrazione Covid-19. Tra i beneficiari: partiti, preti e rabdomanti Pure la Lega per Salvini (che protestava)

next