L’annoso caso delle tariffe di terminazione nelle telefonate tra fisso e mobile torna nelle aule dei tribunali, chiamando in causa autorità di vigilanza come Antitrust e Agcom e la loro attività. È attesa a giorni la sentenza di secondo grado sul braccio di ferro ingaggiato da Eutelia nei confronti di Vodafone a Milano nel lontano […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese per il primo anno

Articolo Precedente

L’auto elettrica finora è solo l’altra faccia del colonialismo

prev
Articolo Successivo

Latte diluito e formaggio sporco: Lactalis non butta nulla

next