Il popolo ha fame e ce l’avrà sempre, ma non è detto che sappia o voglia cucinare. Nonostante lo stuolo di aspiranti chef che si sono manifestati durante il lockdown, a fare fortuna sono stati soprattutto i servizi di delivery che hanno supportato la pigrizia, l’incapacità o il semplice desiderio di chi invece avrebbe voluto […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 13,99€ / mese per il primo anno
( successivamente 14,99€/mese )

Articolo Precedente

Il “divanismo” che spacca in due metà l’equivoco Pd

prev
Articolo Successivo

Il buco della legge che apre ai contratti pirata per i riders

next