È in una gelida villa di Fiesole, di proprietà di una ricca signora d’America scappata prima della guerra, che la famiglia di Alessandra si trasferisce nel ’45, in cerca di una nuova serenità dopo gli orrori della guerra. I bambini, abituati a correre verso i rifugi per sfuggire alle bombe, scoprono l’infanzia fra ulivi e […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 13,99€ / mese per il primo anno
( successivamente 14,99€/mese )

Articolo Precedente

Il sindaco che scala l’Everest, ma “inciampa” sui lacrimogeni

prev
Articolo Successivo

Gianni “Zolletta” l’eterno sussurratore, dal Divo a B. e oltre

next