La giacca blu l’ha presa in prestito al suo amico fotografo. È tutta sporca di bianco, come le sue mani, a furia di strofinarsi sulla colonna di gesso di questo lussuoso albergo che un tempo era la sede del Coni e che i tassisti napoletani, con ineguagliabile dono della sintesi, hanno soprannominato Sharm el-Sheikh. L’una […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€/mese

Articolo Precedente

La guerra di “Repubblica” tra l’Ingegnere e i tre figli

prev
Articolo Successivo

Ankara bombarda i reporter, i curdi cercano Siria e Russia

next