Gli Stati Uniti, che la salvarono ai tempi del patto Obama-Marchionne; la Svizzera, a lungo piccolo “paradiso fiscale” per la dinastia Agnelli. Arrivano da quei mondi, solo all’apparenza lontani, le cattive notizie che si addensano attorno a un’azienda che fu italiana e che in molti, e non soltanto a Torino, si ostinano a chiamare ancora […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 19,99€ per 3 mesi

Articolo Precedente

L’attentato dei misteri: oggi l’Antimafia vota sul caso Antoci

prev
Articolo Successivo

Bio On, il bluff adesso è finito

next