Matteo Renzi non è al governo, può contare su qualche ministro che passa al suo nuovo partito dopo aver ottenuto l’incarico in quota Pd, ma già pensa alle nomine di primavera, quella scadenza che è tra le ragioni della tenuta della maggioranza giallo-rossa. Avaza subito le sue proposte, dopo aver premesso che nelle nomine “non […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Carige, il salvataggio non basterà: la banca svuotata dalla “cura”

prev
Articolo Successivo

La lunga mano del Dragone: dove finiscono i 300 miliardi dei cinesi

next