I treni arrivano di notte, serpenti di 600 metri con scritte in cinese e container carichi di smartphone, televisori, lavatrici, vestiti. Hanno percorso 11 mila chilometri dalla Cina al “Duisburg Intermodal Terminal”, il porto intermodale più grande al mondo, 60 mila metri quadri di spazio commerciale sulle rive del Reno, nel cuore della Germania. Siamo […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

L’occasione persa da Renzi sulle nomine

prev
Articolo Successivo

Relazioni pericolose: gli affari e i ricatti politici e diplomatici

next