Il boss di Cosa Nostra e il sette volte presidente del Consiglio faccia a faccia, rappresentanti dello Stato e dell’Antistato uno di fronte all’altro in una villetta di via Pitrè, a Palermo, nella primavera del 1980, in una riunione carica di tensione per le “urla che si udivano da fuori”, come ha raccontato il pentito […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese per il primo anno

Articolo Precedente

Trattativa, sarà sentito anche B.

prev
Articolo Successivo

Uranio, la Difesa non paga neanche dopo la sentenza

next