Ottanta milioni di euro. È la cifra che Eni avrebbe versato alla Napag Italia Srl e alla Napag Trading Limited, le società che farebbero capo all’imprenditore calabrese Francesco Mazzagatti, ma di cui l’avvocato Piero Amara sarebbe, secondo i magistrati, il vero “dominus”. Le somme sono state scoperte dalla Procura di Roma e dalla Guardia di […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

Scuola, maxi sanatoria a due giorni dal voto

prev
Articolo Successivo

60 milioni senza bando in “ricerca”

next