Tagliare l’orario di lavoro è una scelta inevitabile

Il tentativo di raggiungere il pieno impiego si scontra coi limiti della capacità di Stato e imprese di creare abbastanza posti
Tagliare l’orario di lavoro è una scelta inevitabile

Nel 1978 ci ha provato la Cisl, con il suo “lavorare meno, lavorare tutti”. Nel 1998 ha ripreso il tema Rifondazione comunista con le “35 ore”. Oggi avanza una proposta in merito il presidente Inps, Pasquale Tridico, con l’appoggio dei Cinque Stelle. Ogni vent’anni si apre uno spiraglio per riflettere sulla questione della riduzione dell’orario […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2019 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.