Ci hanno provato a Sassari. Ma a Roma non l’hanno fatta franca, la Cassazione ha detto no. I fratelli Francesco e Giuseppe Pesce, entrambi al carcere duro, eredi dello storico boss di Rosarno Nino detto Testuni, già a capo di una delle più pericolose ’ndrine calabresi, hanno tentato di “bucare” il 41 bis con l’utilizzo […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

L’urlo di “Monica” che nessuno riesce ad ascoltare

prev
Articolo Successivo

Modem libero, la guerra da 2,7 miliardi

next