Si dice blockchain, Internet delle cose, intelligenza artificiale e si pensa immediatamente innovazione, nuove tecnologie, bitcoin. Ci si dimentica però che i nuovi procedimenti rispondono anche a nuove regole, a un diritto che in parte c’è già e in parte si sta sviluppando, nel tentativo di trovare un equilibrio tra la necessità di tutelare gli […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Prima del paradosso dei navigator c’è quello dei precari dell’Anpal

prev
Articolo Successivo

La conta degli intellettuali non risparmierà nessuno

next