Giacomo Papi, scrittore e giornalista, ha scritto un romanzo divertente sul presente – quello in cui gli intellettuali sono il nemico da abbattere assieme al migrante – e su un futuro prossimo che un radical chic definirebbe, appunto, distopico. Un futuro in cui gli intellettuali saranno schedati, imbavagliati e magari buttati nel fiume con pesanti […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Dal blockchain all’Internet delle cose: regole cercansi

prev
Articolo Successivo

Cuscinetti sui lampioni per “salvare” gli zombie-pedoni dello smartphone

next