Da anni si afferma l’opportunità di ridurre il numero dei parlamentari; diversi sono stati i tentativi e le proposte, tuttavia senza approdare mai a nulla (a cominciare dal disastroso esito referendario sulla riforma Renzi). Ecco perché, nonostante sia convinto che i problemi veri del nostro parlamentarismo siano ben altri che qualche centinaio di parlamentari da […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

Gli spazi, i cittadini, le case: l’architettura dell’“eretico” Zevi

prev
Articolo Successivo

La terza via tra Cuccarini e Copparola

next