In una Roma mai così fervente di creatività da anni, perlomeno in ambito musicale, dove ogni giorno spuntano nuovi cantautori o divi trapper, fa piacere ricevere conferme da band dedite ad altri generi, come i Mòn, che già solo in parte avevano fatto intravedere le loro potenzialità. Immersi in un suono e in un’estetica che […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Seeyousound, Torino omaggia Berlino

prev
Articolo Successivo

Armin Loacker, dalla pasticceria di papà all’impero mondiale dei wafer

next