Qualcuno salvi il progetto di Pupi Avati: raccontare Dante tramite il Boccaccio

Da anni il progetto è fermo, proprio nell’Italia che ha familiarizzato con l’Odissea e coi romanzi russi grazie agli sceneggiati
Qualcuno salvi il progetto di Pupi Avati: raccontare Dante tramite il Boccaccio

L’unico trattamento è il Trattatello. La più ghiotta delle sceneggiature – sia essa canovaccio per un film, sia per una destinazione tivù – è quella del Trattatello in laude di Dante Alighieri. È la scrittura – composta tra il 1351 e il 1366 – su cui Giovanni Boccaccio riversa la propria devozione verso il poeta […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2019 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.