L’unico trattamento è il Trattatello. La più ghiotta delle sceneggiature – sia essa canovaccio per un film, sia per una destinazione tivù – è quella del Trattatello in laude di Dante Alighieri. È la scrittura – composta tra il 1351 e il 1366 – su cui Giovanni Boccaccio riversa la propria devozione verso il poeta […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Il presepio più bello del mondo è a Napoli (ed è poco visitato)

prev
Articolo Successivo

Ariete: evita l’esibizionismo social. Vergine sull’orlo di una relazione finita

next