“Ottaviano, divenuto potente e ottenuto il consolato, lasciò perdere Cicerone e divenne amico di Antonio e Lepido: unì le sue forze con le loro e con loro divise il massimo potere. Così furono proscritti più di 200 uomini che si volevano mandare a morte. Grandissima discussione provocò l’iscrizione di Cicerone nelle liste: Antonio asseriva che […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Aggiungi un posto in scatola

prev
Articolo Successivo

La Cattiveria 1401

next