Cosa resterà…

Per essere gattari ci vuol la vocazione

17 Dicembre 2018

“Amici pelosi, gatti romani, concittadin: il male che l’uomo vi fa spesso gli sopravvive, il bene…non sarà mai abbastanza”. “Maooo”. È chiamato Giulio Cesare, è il gattaro del Quadraro, quando entra nella colonia felina i gatti gli si affollano tra le gambe e lui gli rivolge queste parole rubate a Shakespeare. Giulio Cesare onora così […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Ti potrebbero interessare

I commenti a questo articolo sono attualmente chiusi.