Quante volte, preparando il presepe, avete fissato, non senza una certa commozione, la stella cometa sopra la grotta, quella stella che i Magi stessi avrebbero seguito per raggiungere Gesù? Peccato che, in realtà, nel Vangelo non ci sia traccia di cometa, ma solo di un semplice astro. La coda fu aggiunta oltre 1.200 anni dopo da […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese per il primo anno

Articolo Precedente

Processo Aemilia: ecco chi è Sabrina, l’impiegata che racconta i boss della più grande inchiesta sulle cosche al Nord

prev
Articolo Successivo

Crudeli e affascinanti. Quanto ci piacciono i cattivi delle serie tv

next