“Assassini politici”, “terroristi”, “incendiari”: gli insulti tra esponenti politici, di governo e di opposizione, hanno reso incandescente il quadro politico italiano e internazionale. E in effetti non vi è dubbio che la nobile “arte dell’insulto”, per dirla con Borges, sia stata la vera protagonista dinanzi alla surreale inconsistenza del dibattito politico e ai balletti sulla […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

“Il Vesuvio universale”, vivere e soffrire insieme al vulcano

prev
Articolo Successivo

L’accidia, il letargo e le zanzare

next