Questa settimana, senza alcuna fatica, ricorro al testo dell’Etica Nicomachea di Aristotele, prova di greco per la maturità classica: “Dopo le altre virtù bisognerebbe trattare dell’amicizia: infatti essa è una virtù o implica virtù; e in più perché è assolutamente necessaria nella vita. Pur possedendo ogni sorta di bene, nessuno potrebbe vivere privo di amici. […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

Tutto scritto e colorato, Linus è tornato in edicola

prev
Articolo Successivo

L’incontro con Massimo Catalano

next