Avete mai sentito parlare del Tindersurfing? Si tratta di un neologismo coniato dal venticinquenne belga Anthony Botta. Occhi scuri, ciuffo pettinato e fisico latino, Anthony voleva girare l’Europa ma non aveva un soldo e così, come un novello Giacomo Casanova digitale, ha usato il suo profilo Tinder realizzando ben 3.000 incontri grazie all’app di appuntamenti […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

La più grande disgrazia del “mondo libero” è stata la caduta dell’Urss

prev
Articolo Successivo

Facce di casta

next