Bomba o non bomba, il nemico c’è: è la Russia. Bombe o non bombe, strike mirati, missili intelligenti o pretestuosi che siano, il mondo – messa a dimora l’innocenza sotto una coltre di malafede – ha finalmente chiaro, per tramite di russofobia, chi è il nemico: è Mosca, ancora una volta nella traiettoria di un […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

La Settimana Incom

prev
Articolo Successivo

“Ma quale Airbnb, l’Europa la giro grazie a Tinder”

next