Dopo Fassina, Landini, don Ciotti e tanti altri, anche Massimo D’Alema si allinea  al mainstream rivoluzionario di Bergoglio: “Il Papa è principale leader della sinistra”. Nel frattempo, molto più pragmatici, il Gran Visir andreottiano di B. e il renziano Luca Lotti pensano alle larghe intese

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

“Non sono adatto ai riti di questo Pd: io mi fermo”

prev
Articolo Successivo

Avanti in ordine sparso. Il collateralismo è finito

next