Una “Cosa sola”. Mafia siciliana, ’ndrangheta , massoneria, pezzi dei Servizi deviati e strutture paramilitari. Sono questi gli attori sulla scena dell’Italia del biennio di fuoco ’93-’94. La Prima Repubblica è agonizzante, il crollo del Muro di Berlino ha rimesso in discussione assetti politico-istituzionali che duravano da un quarantennio. Si ridisegna il potere. Mafie e […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 13,99€ / mese per il primo anno
( successivamente 14,99€/mese )

Articolo Precedente

La ’ndrangheta voleva uccidere Calipari, ma Graviano disse no

prev
Articolo Successivo

Quel legame delle cosche con la Capitale: Filippone junior e l’impero della droga

next