Filippone. Riecheggia da Melicucco in Calabria fino a Roma il cognome di Rocco Santo, arrestato ieri nell’operazione della Procura di Reggio. Proprio perché – a pochi giorni dal verdetto che nega l’esistenza di una Mafia Capitale – quel cognome diventa un filo rosso che porta al figlio Francesco Filippone, detto Baffo, 37 anni, arrestato un […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€/mese

Articolo Precedente

“Arrivò Forza Italia, i boss ordinarono: basta stragi”

prev
Articolo Successivo

I sistemi criminali nati nelle campagne di Enna

next